Riposino

Ci sono bambini abituati a dormire molte ore, altri, come quello che accudisco io in questo periodo che necessitano di poche ore di riposo (sigh!!). Se avrete la fortuna di avere a che fare con un bimbo dormiglione, nell’arco della mattinata trascorsa tra un ora di gioco, una passeggiata al parco e un piccolo spuntino, quando le manine cominceranno a sfregare nervosamene gli occhietti….,


Raffreddore dei bambini: come prevenire

bimbo-raffreddoreOgni stagione invernale porta con sé uno sciame di malattie da raffreddamento: mal di gola, raffreddori, influenza, bronchiti. Tutte malattie dovute a bacilli o virus che approfittando delle minori difese immunitarie dei bambini creano notevoli fastidi. Gli effetti sono sotto gli occhi di tutti: i bimbi devono essere tenuti a casa con conseguente dispendio di denaro ed energie. E che dire di quando, per il continuo contatto, le malattie vengono trasmesse anche a noi genitori! E’ possibile prevenire e combattere malattie da raffreddamento e ridurre gli effetti delle allergie con la propoli, sostanza cerosa prodotta dalle api che è notoriamente un rimedio antibatterico e antinfiammatorio naturale


Ancora sulla nanna

Non smetterò mai di ripeterlo: il sonno presuppone un rituale ben

preciso, che sia sempre lo stesso e possibilmente in un ambiente sereno e pacato, il più possibile silenzioso non con la lavastoviglie rumorosissima del 70 che fa un rumore infernale, non con il vicino di casa che martella perché sta ristrutturando, non con il nervosismo addosso di mamma e papà che hanno avuto una brutta giornata e hanno i nervi a fior di pelle.


L’ossigenazione ambientale

L’ossigenazione all’interno di una stanza, di un determinato ambiente, deve essere regolata a seconda della popolazione presente all’interno di quell’ ambiente, e a seconda del tipo di attività che dentro vi si svolge. Il benessere termico dipende dal grado di umidità, per questo 30° sono facilmente sopportabili se il tasso di umidità è basso.


La pulizia delle attrezzature

I bambini, si sa, soprattutto quelli molto piccoli, sono maggiormente esposti ad ogni genere di infezione non avendo ancora sviluppato gli anticorpi. Per questo è necessario prestare una particolare attenzione nella pulizia di tutto ciò che entra in contatto col vostro bebè, come biberon, ciuccio, di tanto in tanto anche i giocattoli andrebbero disinfettati….


Mamma, mi dai una caramella?

galatine-latte-tavoletteQuante volte ci siamo sentite fare questa domanda? Vorremmo accontentare i nostri bimbi ma non è sempre facile trovare una caramella che sia buona e che dia garanzie di avere ingredienti buoni e semplici che la compongono. Vorrei parlarvi oggi delle Galatine, le tavolette di latte che conosciamo tutti dal momento che esistono da decenni e che tempo fa come ricorderete si trovavano solo in farmacia. Oggi si trovano comodamente nei supermercati e la loro bontà deriva dal loro contenuto: sono fatte per l’80% di latte, miele e yogurt, ai bambini piacciono moltissimo. La mia bimba chiede spesso una caramella e effettivamente per queste va letteralmente pazza.


L’importanza del disegno

bimbo-che-disegnaNel post “ogni cosa a suo tempo” abbiamo introdotto l’argomento del DISEGNO. Un bambino dovrebbe iniziare a “scarabocchiare” sin da quando è in grado di tenere in mano un pennarello (solitamente già a un anno e mezzo) e dovrebbe continuare a dedicare almeno un ora di disegno al giorno fino ai 14 anni.

A 3 anni, una volta raggiunto lo “SVILUPPO CORPOREO” inizierà a disegnare.. gli elementi che ci sono nel rapporto: gli occhi nel cerchio, altri disegneranno la bocca se hanno la mamma che parla molto, ecc.. Il bambino a 3 anni sente di essere “completo” (cerchio) e di avere il controllo di sè (gambe, braccia, occhi, bocca ecc…), quindi inizierà a disegnare le braccia che sono l’elemento in cui metterà la capacità di relazionarsi con gli altri.


Detersione o disinfezione?

La pulizia è la condizione ottimale per ridurre al minimo la diffusione di germi e batteri, ma esiste una grossa differenza tra detersione e disinfezione: detergere, o lavare nel linguaggio più comune, non corrisponde necessariamente ad avere disinfettato. La detersione infatti assicura l’eliminazione dello sporco con mezzi meccanici fino ad una riduzione del 90% della carica microbica/batterica…