Il bagnetto

Quello del bagnetto è un esperienza speciale, di grande comunione con la figura materna, per questo è bene farlo in un momento in cui fa bene a tutti e 2, ma soprattutto al bambino; va fatto tutti i giorni e ogni giorno si dovrà scegliere l’ora giusta che potrà essere mattino, pomeriggio o sera, e dovrà comunque essere un momento in cui il bambino è tranquillo, mai quando è nervoso, o ha mal di pancia, o è stanco e agitato: il bimbo deve trovarsi in uno stato di serenità. Il bagnetto si può fare anche quando c’è ancora il moncone (cordone ombelicale), poi quando si sarà staccato e cadrà, allora bisognerà interrompere i bagnetti fino a quando la ferita non si sarà cicatrizzata. ATTENZIONE: è molto pericoloso fare il bagnetto ad un bebè quando il moncone è caduto ma la ferita non ancora chiusa.

Diversamente il bagnetto andrà fatto tutti i giorni senza utilizzare sapone ma solo AMIDO (il migliore è quello di avena). Anche i capelli possono essere lavati con l’amido finchè il bimbo è molto piccolo.

Quando il bambino inizierà ad essere più grandicello, più o meno quando comincerà a gattonare, allora si può cominciare ad utilizzare un sapone  adatto, ma quanto più tempo si utilizzerà l’amido, tanto migliore sarà lo stato della cute. Consiglio di scaldare sul termosifone gli asciugamani o i teli che si utilizzeranno per asciugare i bambini, questo per evitare uno shock termico nel caso ci sia troppa differenza tra la temperatura dell’acqua e quella esterna.

Il bagno andrà fatto in una vaschetta che dovrà essere appoggiata su un tavolo, e di fianco ci dovrà essere un piano di appoggio dove il bambino potrà essere asciugato e vestito una volta terminato il bagnetto.

Quando un bambino è ammalato, è bene evitare il bagnetto.

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +5 (from 13 votes)
(Letto 310 volte)

Tags: , , ,