Il linguaggio fiabesco

Con i bambini bisognerebbe parlare in modo FAVOLESCO/FIABESCO.

La fiaba è la storia di un bambino che sconfigge i nemici, e lui è il protagonista. Le fiabe si possono anche inventare, non occorre che siano chissà quali storie. Se ci abituiamo a parlare coi bambini in modo giocoso e poi quando è ora di imparare delle regole importanti mettiamo un attimo da parte il linguaggio favolistico, allora il bambino esegue perchè gli avremo fatto capire che su questo determinato argomento non si scherza.

Nel linguaggio con i bambini non bisogna mai utilizzare descrizioni in negativo, ma sempre in positivo. Da tenere presente che i bambini hanno tante paure, come quella del troppo movimento, dell’eccitazione, di cadere, del troppo rumore, degli sconosciuti, delle novità, dei cambiamenti. Allora è importante aiutare il bambino a superare le sue paure. Come più volte detto sarà necessario creare un ambiente costante, routinario, creare lo scontato, tutte cose che danno sicurezza e cancellano la paura.

Le novità vanno affrontate una alla volta, e quando un bambino manifesta una qualche paura, mai negare l’esistenza del lupo ma invitarlo a farcelo rappresentare attraverso un disegno, o una scenetta in cui lui è il lupo e voi il bambino che scappa. L’accettazione lo aiuterà ad esorcizzare le sue paure.

Poichè il bambino non comprende il mondo degli adulti, dovremo essere noi adulti a trasportare il nostro mondo nel loro mondo della FANTASIA.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +11 (from 23 votes)
(Letto 132 volte)

Tags: , , , ,