Il vestimento

Veniamo ora a un argomento che potrebbe non sembrare particolarmente interessante, ma occorre fare alcune specifiche dal momento che nella mia esperienza di tata incontro talvolta bambini mal vestiti.

Quando dico mal vestiti non intendo che non sono abiti alla moda, quanto piuttosto che si esagera nel coprirli troppo, e si tende ad utilizzare tessuti sintetici che non lasciano respirare la pelle. Gli abiti dei bambini

dovrebbero essere per lo più in fibra naturale, meglio il cotone. Devono essere larghi nel giro collo, nel giro manica, mai attillati.

Un bambino deve potersi muovere liberamente, correre, saltare, giocare e la pelle deve poter respirare.

Il bambino deve essere poco vestito poichè suda molto, gioca e si muove. Le calzamaglie sotto gli abiti sono da evitare, salvo che non si tratti di una bambina alla quale è stata fatta indossare una gonna in pieno inverno.

Quando un bambino ha corso molto, si è mosso e ha sudato, se ha i calzini bagnati è bene sostituirli con un paio puliti e asciutti. Questo vale ovviamente anche per gli abiti.

Quando si è in casa, si può tranquillamente far girare i bambini senza scarpe, magari con un paio di calzini antiscivolo.

Anche le scarpe dovranno essere comode, piuttosto che tendenti ad essere strette, meglio un po’ larghe.

I capelli vanno tagliati quando sono troppo lunghi, e pettinati tutti i giorni.

La cura del corpo è fondamentale nella relazione mamma-bambino

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 14 votes)
(Letto 163 volte)

Tags: , , , , ,