Detersione o disinfezione?

La pulizia è la condizione ottimale per ridurre al minimo la diffusione di germi e batteri, ma esiste una grossa differenza tra detersione e disinfezione: detergere, o lavare nel linguaggio più comune, non corrisponde necessariamente ad avere disinfettato. La detersione infatti assicura l’eliminazione dello sporco con mezzi meccanici fino ad una riduzione del 90% della carica microbica/batterica…

La disinfezione invece è ancora più efficace in quanto assicura la morte dei microbi. Per questo è assolutamente indispensabile in una situazione di malattia in situazioni di ambienti malsani con bambini molto piccoli che non hanno ancora sviluppato gli anticorpi. Questo vale non solo per biberon, ciucci ecc. ma anche per gli indumenti.

Il lavaggio in lavatrice a 70 gradi è già sufficiente per garantire una disinfezione anche senza l’ausilio di agenti chimici quali napisan o altro: l’acqua, il detergente e la temperatura bastano a garantire l’eliminazione della carica microbica.

Diverso invece sarà il discorso per i giocattoli dei bambini, soprattutto per quelli che passano per la bocca dei più piccoli: questi andranno non solo detersi ma anche disinfettati, soprattutto se il bambini ha problemi gastrointestinali. La disinfezione andrà fatta, come per i biberon, sempre con la bollitura, se il materiale con cui sono fatti è compatibile (non si potrà bollire un pelouches), altrimenti si utilizzerà un disinfettante chimico (cloro) che andrà lasciato agire qualche minuto, e poi sempre risciacquato molto bene, soprattutto se è una cosa che va a contatto con la bocca del bambino.

Ricordatevi che l’ambiente di vita migliore per i microorganismi è l’uomo, soprattutto quello che è in cattive condizioni di salute, quindi con anticorpi ridotti.

Per questo la detersione è sempre consigliabile farla, (lavare le mani tutte le volte che è possibile con acqua e sapone, sia quelle dei bambini che quelle degli adulti che entrano in contatto con i bambini) mentre con la disinfezione non bisogna esagerare perchè il bambino ha bisogno di entrare in contatto, poco alla volta, con i bicrobi in modo che gradualmente si crei un proprio bagaglio di anticorpi. Non è altro che lo stesso meccanismo dei vaccini che vengono somministrati in forma attenuata.

Per quanto riguarda invece ferite ed escoriazioni, meglio lavare che disinfettare. Se un bimbo si procura un taglio, se c’è sangue che esce è positivo in quanto il sangue che scorre porterà via eventuali batteri, sarà sufficiente quindi risciacquare bene la ferita con acque e sapone prima ancora che utilizzare il disinfettante.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +5 (from 5 votes)
(Letto 946 volte)

Tags: , , , , ,